Il blog della pesca

Ritorna la discussione sulle quote tonno rosso

Le quote tonno rosso sono uno degli argomenti più dibattuti in questo 2014, i pescatori sportivi lamentano la irrisoria quota di 10 tonnellate concesse alla loro categoria, la Fipsas si è già dichiarata contraria a questi regolamenti e i pescatori di professione lamentano multe troppo salate.

In mezzo a tutto il marasma sollevato dalle quote tonno rosso ci sono i pescatori liguri che tornano a chiedere di avere, come accade in altre regioni, una quota per catturare il tonno rosso.

“Tornano” perchè non è la prima volta che in liguria si cerca di dare il via libera ai pescatori per la cattura dei tonni rossi. L’assessore ligure alla pesca Giovanni Barbagallo spiega con queste parole l’ennesima richiesta che ha inoltrato al governo dal meeting internazionale Iccat:

Uno studio curato dall’Università di Genova conferma che nel Mar Ligure si conferma una tendenza di aumento della risorsa tonno a fronte di nessuna quota regionale

Sarà vero che la presenza del tonno rosso nel mar Ligure sia così massiccia da giustificarne l’apertura? (ndr)

Non solo tonno rosso ma anche pesce spada

Alla Fiera di Genova, Barbagallo ha tenuto una riunione con il sottosegretario al Ministero dell’Agricoltura con delega alla Pesca Giuseppe Castiglione, oltre che sulla quota tonno, sul fermo pesca del pesce spada e su altre questioni, affrontate in Fiera insieme con la vicepresidente della commissione della Pesca del Parlamento Europeo Renata Briano, l’università e le associazioni della pesca Agci Pesca, Legacoop, Lega Pesca Liguria, Federcoopesca Cooperative Liguria.

Fonte:

Città della spezia

Exit mobile version